Usabile.it

usabilità, accessibilità e interaction-design per il web

home » Libri » Accessibilità - Guida completa

Accessibilità - Guida completa

di Michele Diodati
euro 47; Apogeo (Milano) 2007

cover del libro di Michele DiodatiNonostante io mi aspettassi grandi cose, data la stima per l’autore, la lettura di questo libro ha superato le mie aspettative.

A differenza della maggior parte degli altri testi sull’accessibilità, il libro di Diodati non si limita infatti a ripercorrere la normativa internazionale o nazionale, ma offre per ogni argomento i risultati di prove personali con strumentazioni assistive e con esempi di codice differenti. Alla fine il lettore ne esce non con una serie di prescrizioni da rispettare, ma con un quadro ampliato della materia, dove i pregi e i limiti delle normative si chiariscono. Sarà in grado di applicare direttamente molte soluzioni pratiche, capendo nel frattempo perché lo fa e quali conseguenze comportano le soluzioni adottate. Anche dove le leggi o le norme non ne tengono conto.

Un esempio del livello di dettaglio e di esame delle tecniche di codice che potete trovare nel libro di Diodati è la discussione nel capitolo 17 sulle liste di definizione (DL). Questi elementi html contengono definizioni e descrizioni di termini (DT e DD), che possono essere associati in relazione uno a molti o molti a molti.

Diodati nota però che, sebbene la relazione uno a molti (un DT per molti DD) sia lecita, i lettori vocali di schermo usano leggere questa marcatura premettendo un “uguale” prima della definizione. Per cui in presenza di questa marcatura:

<dl>
	<dt>alberi</dt>
	<dd>pino</dd>
	<dd>abete</dd>
	<dd>cipresso</dd>
</dl>

Avremmo la seguente lettura:

alberi = pino
= abete
= cipresso

Se questo modo di leggere il codice sia adeguato al vostro caso e crei o meno problemi ai ciechi, ovviamente dipende dalle situazioni: ma per progettare è importante tenerne conto.

Un tale livello di approfondimento anche empirico delle tecniche (ripetuto per praticamente ogni argomento trattato, compreso Ajax, l’uso di flash, e ogni problema di marcatura esistente) non si trova francamente in nessun testo. La maggior parte dei libri sull’accessibilità si accontenta di ripercorrere in maniera pedissequa le normative esistenti, e di sintetizzarle in prescrizioni, indipendentemente dalla compatibilità di queste tecniche con browser o strumentazioni assistive. Ciò che ha sempre reso di fatto l’accessibilità reale (i problemi pratici delle tecniche accessibili) distante da quella teorica, contenuta nelle norme.

Questo libro (assieme a quello di Joe Clark) getta finalmente un ponte fra i due mondi. Un ponte che non risolve tutti i problemi, ma che traccia un metodo di lavoro che dovrebbe essere di esempio a tutti gli altri autori. Quello di confrontare le norme con gli strumenti pratici e il supporto da parte dei programmi utente.

Un ulteriore plus del libro è l’impeccabile stile con cui è scritto: un italiano non solo accessibile, ma persino avvincente. Una tale soddisfazione a leggere un libro di informatica mi mancava da parecchio tempo.

[Maurizio Boscarol]

torna su Torna su

Privacy Policy