Questo sito è accessibile da tutti i browser e gli user agent, ma il design e alcune funzionalità minori dell'interfaccia saranno visibili solo con i browser che rispettano gli standard definiti dal W3C Perché facciamo questa scelta e cosa significa ...

Usabile.it

usabilità, accessibilità e interaction design per il web

Home > Archivio news > maggio 2004

maggio 2004:

31 maggio 2004

Nuovo articolo su Usabile.it

Direttamente da un seminario tenuto al webbit 2004, questo articolo che si occupa di distinguere fra dati oggettivi e soggettivi, qualitativi e quantitativi e valutazioni automatiche o manuali nell'accessibiiltà dei siti. Un discorso che riteniamo importante fare in un momento in cui si stanno preparando i regolamenti attuativi della legge 4/2004. Non è una delle letture più semplici: speriamo sia utile per mettere a punto verifiche di accessibilità sempre più precise e meno arbitrarie. I commenti sono come sempre benvenuti. ¤

18 maggio 2004

Corso di accessibilità dei siti web a Udine

Lo avevamo anticipato al webbit e ora ne diamo notizia ufficiale: si terrà a Udine l'8 giugno 2004 il seminario dal titolo "Progettare siti accessibili", tenuto da Maurizio Boscarol di usabile.it e rivolto a tutti gli sviluppatori web, con un occhio particolare a coloro che lavorano per la Pubblica Amministrazione, alla luce della recente legge 4/2004. Il corso sarà a numero chiuso (max. 20 partecipanti). Tutti i dettagli in questa pagina. Per informazioni ulteriori scrivete a formazione@usabile.it. ¤

13 maggio 2004

Lo studio del CNIPA sull'accessibilità web

E' stata pubblicata la prima versione (che ci assicurano modificabile) dello studio fatto dal CNIPA che dovrebbe costituire la base su cui fondare i regolamenti per l'attuazione della legge Stanca sull'accessibiiltà dei siti. A breve pubblicheremo alcuni commenti sul sito del nostro libro. Una discussione è già in corso, oltre che in varie liste specialistiche, anche sui forum di Diodati.

A margine notiamo come il documento non sia purtroppo al momento scaricabile o consultabile in un'unica soluzione (in rtf, pdf, o anche, molto più semplicemente, in un unico file html). Speriamo che tale versione venga presto resa disponibile, perché sarebbe molto più comoda da stampare, da manipolare, e finanche da commentare punto per punto. ¤

10 maggio 2004

Il Wai e l'usabilità

Accessibilità e usabilità sono la stessa cosa? Un sito accessibile è anche usabile? Naturalmente no. A dimostrarcelo è proprio il WAI, la Web Accessibility Initiative del W3C, che ha commissionato di recente un test di usabilità per valutare il proprio sito nell'ambito di un progetto di redesign. I risultati sono ora disponibili online, e dimostrano che utenti che non sono esperti di accessibilità fanno molta fatica a trovare le informazioni sulle pagine del WAI. Il sito è stato giudicato sovraccarico e difficile da navigare. La cosa curiosa che vogliamo sottolineare nei risultati è che mentre pochissimi utenti riuscivano a completare determinati compiti senza l'aiuto dello sperimentatore (su questo ci sarebbe da aprire una parentesi metodologica che però non apriamo, per ora...), una percentuale ben superiore di essi giudicava il compito "facile".

Questo risultato conferma una tendenza abbastanza diffusa, che verifichiamo anche nei nostri test condotti su vari siti, a non giudicare severamente il sito o la facilità dei compiti anche quando gli utenti non riescono ad eseguirli. Detto in un'altra maniera, è possibile che non venga percepito correttamente il fallimento o la sua gravità. Questo apre una forbice fra usabilità reale e usabilità percepita. Il giudizio complessivo su un sito non è insomma un buon indicatore della sua usabilità. In generale, i questionari di usabilità sono utili, ma non servono necessariamente a giudicare l'usabilità reale del sito, ma solo a confrontare l'usabilità percepita (e altre proprietà, come la piacevolezza grafica) con le prestazioni reali. Non sono dunque strumenti da usare da soli nella valutazione dell'usabilità, così come non lo sono altri metodi di raccolta di giudizi soggettivi come i focus group o le interviste: Ma mentre i focus group falsano completamente anche l'interazione con il sito, l'utilizzo di questionari e di interviste è assolutamente auspicabile dopo il test di usabilità vero e proprio, per ottenere il maggior numero di dati possibili, e poter così valutare anche la distanza fra la prestazione reale e la percezione della prestazione nei soggetti. ¤

3 maggio 2004

Seminari al webb.it

Sono due i seminari che terrò quest'anno al Webb.it di Padova, ospitato dal mio editore Tecniche Nuove/Hops Libri. Il primo si terrà venerdì 7 maggio e si occuperà di strumenti di validazione e metodi oggettivi e soggettivi di valutazione dell'accessibilità. Il secondo è invece previsto per il giorno successivo, sabato, ed è dedicato al profumo dell'informazione, ovvero ai nuovi approcci emergenti nel campo della Human Computer Interaction, specificatamente pensati per spiegare i comportamenti sul web. Li anticipo richiamando un vecchio articolo sulle differenze fra interfacce software e interfacce web, che può essere considerato un'introduzione generale all'argomento. Le prenotazioni ai seminari si effettuano online. Arrivederci a Padova, dunque, per chi vorrà esserci! ¤

torna suTorna su

In breve:

E' possibile accedere all'archivio delle news, da cui sfogliare mese per mese le notizie comparse in prima pagina.

Servizi e consulenza:

Articoli di base:

Personalizza:

Pubblicità scelta:

Metafora AD Network

Torna in cima alla pagina o vai al contenuto.