Gli abusi di Flash | Usabile.it

Usabile.it

usabilità, accessibilità e interaction-design per il web

Home » Articoli » Gli abusi di Flash

12/12/2000

Gli abusi di Flash

[di Maurizio Boscarol]

Per motivi legati all'usabilità e all'accessibilità è consigliabile limitare l'uso dei moduli multimediali in Flash ai soli casi in cui essi possano costituire un reale valore aggiunto per il sito.
I casi in cui questo si verifica sono due:

  1. quando il sito si rivolge ad utenti fortemente motivati all'innovazione senza basarsi su una struttura informativa o di servizio complessa.
  2. quando la natura dell'informazione o dell'esperienza da trasmettere è principalmente visiva.

Anche in questi casi, comunque, Flash deve essere proposto come alternativa ad una visione più accessibile delle informazioni in HTML.

Perché tanta cautela? Perché aggiungere regole ad un mondo che ne ha già troppe? Per diverse ragioni: innanzitutto perché Flash è una tecnologia che richiede l'installazione di un plug-in sul browser affinché i file siano correttamente visualizzati. Ciò taglia automaticamente fuori una certa percentuale di utenti. E poi perché molto spesso i file hanno dimensioni e tempi di caricamento ragguardevoli, la stragrande maggioranza delle volte molto più alti dell'HTML. Vari studi di usabilità dimostrano che gli utenti non gradiscono lunghe attese davanti al monitor del computer, perché si annoiano e si distraggono, scegliendo altri siti. Per lunghe attese intendiamo superiori ai 20-30 secondi.

La Macromedia, casa produttrice di Flash, ha reso il plug-in disponibile e scaricabile gratuitamente, e, grazie ad un'attenta campagna marketing, è riuscita ad ottenere che moltissimi utenti siano in grado visualizzare il suo formato. Ciononostante non è riuscita a risolvere gravi problemi di usabilità e accessibilità di base.
Fra i principi alla base dell'accessibilità dei siti ci sono:

  1. Rendere i contenuti disponibili a tutte le categorie di utenti (quindi anche a categorie svantaggiate, come ciechi e sordi).
  2. Laddove non fosse possibile il punto 1, almeno fornire strade di fruizione alternative.

Flash viola entrambi questi principi, assieme ad altri standard importanti:

  1. Flash non può essere visto da una percentuale importante di utenti, come già detto. Oltre a quelli sprovvisti del plug-in, vanno menzionati gli utenti con svantaggi visivi o uditivi.
  2. Con alcune configurazioni, addirittura, l'uso di Flash può mandare in blocco il sistema.
  3. Il tasto back del browser, uno dei click più gettonati, viene reso inutile.
  4. Chi non ha il plug-in non può nemmeno avere idea di cosa si mostri nel filmato, sebbene la Macromedia abbia implementato l'uso del tag ALT, già usato in HTML per una breve descrizione delle immagini statiche. Ma possono poche parole descrivere adeguatamente l'esperienza multimediale di un filmato Flash?
  5. La navigazione nei filmati Flash è raramente conforme agli standard e comprensibile per gli utenti, che devono così impiegare la prima parte del loro tempo di fruizione per capire "come funziona".

La Macromedia cerca ora di correre ai ripari dichiarando un miglioramento degli standard di accessibilità di Flash. Queste dichiarazioni sono state purtroppo smentite dai fatti e da un ottimo articolo di Joe Clark, che dimostra chiaramente come l'accessibilità dei progettisti di Flash non sia la stessa del W3C, il consorzio che regola gli standard sul web (ne parleremo in un prossimo articolo).

Guerra aperta a Flash, allora? No, più semplicemente la reazione ad un fraintendimento, forse alimentato dalla stessa Macromedia, su questo prodotto. Nato come gadget per arricchire l'esperienza sensoriale sul web, Flash ha acquistato crescente popolarità fra gli sviluppatori e i web designer perché consentiva di dar libero sfogo alla propria vena creativa, aspetto sul quale l'HTML è notoriamente castrante. Dietro questa differenza fra Flash e HTML sta però il vero motivo del contendere. Alcuni sviluppatori si sono fatti prendere la mano dal giochino sperando forse in cuor loro di liberarsi alla svelta dell'HTML, e si sono dimenticati di quale fosse lo scopo primario di un sito: fornire informazioni e servizi utili all'utente. Può Flash svolgere questo compito? A volte, forse. Nella maggioranza dei casi, no. I file prodotti da Flash hanno infatti numerosi altri problemi di gestione:

  1. Non rispettano gli standard per la gestione dei link dell'HTML
  2. Non si interfacciano facilmente con le funzioni di ricerca
  3. Sono complicati da aggiornare e localizzare, a differenza dell'HTML.
  4. Un testo in Flash non può essere selezionato e copiato, nè può essere modificata la visualizzazione del carattere nel caso un utente abbia problemi di vista.

[NOTA: Quest'ultima affermazione vale solo fino al plug-in della versione 3, ovvero quello che usavo all'epoca della scrittura dell'articolo]

Fornite informazioni visive.

A differenza di HTML, Flash non è un linguaggio di mark-up, cioè di descrizione di documenti, ma un linguaggio visivo.
Questo spiega da una parte la sua popolarità, dall'altra le critiche per ogni suo uso improprio.

E' adatto a rappresentare informazioni visive e a offrire esperienze originali e creative, ancorché anomale, di interazione con l'utente. Dovrebbe essere usato per questo: per offrire esperienze alternative, per animare piccoli moduli di una pagina, per cartoni animati d'intrattenimento o per informazioni di natura intrinsecamente visiva.

Facciamo un esempio. Pensiamo alle possibilità che offrirebbe Flash per una spiegazione didattica basata sui diagrammi di flusso (informazione di tipo visivo): potremmo far vedere il diagramma che si forma, visualizzare una spiegazione cliccando su una parte che interessa, ruotare, ingrandire o rimpicciolire il diagramma per metterlo in relazione con un flusso di lavoro più complesso... Sarebbe un'ottima alternativa visiva a una spiegazione passo-passo in HTML o a un'immagine statica.
Fra gli altri, www.monkey.com fornisce alternative di questo tipo, arricchendo la versione Flash del sito con feature visive (e sonore) che migliorano la fruizione dell'informazione quando questa è di natura visiva.

Ottimizzare!

Anche nei casi riusciti, comunque, un file Flash dovrebbe essere sempre presentato come una scelta, e non come l'unica alternativa possibile. Non solo: dovrebbe anche essere sempre ottimizzato: adeguare il peso del file alla qualità dell'animazione, scegliendo i settaggi e le tecniche di animazione più leggere per raggiungere lo stesso scopo. Una tecnica elementare in alcuni casi può essere quella di scegliere il frame rate (numero di fotogrammi per secondo) più basso possibile in relazione alla fluidità necessaria all'animazione.

Sono suggerimenti dei quali non sembrano aver tenuto conto gli autori di un filmato di presentazione per un corso di formazione che mi è capitato di incontrare di recente in rete.
Cercando le informazioni su questo corso sul sito dell'ente di formazione che lo organizza, ci si trova a dover scaricare un filmato in Flash! Nessuna alternativa html è presentata! Cosa tanto più sorprendente se si pensa che le informazioni di base su un corso di formazione possono tranquillamente essere presentate in forma scritta, anzi: di solito lo sono.

La cosa più perversa e insieme ironica di questo filmato è che il tempo di scaricamento è insolitamente lungo se consideriamo che il modulo non presenta quasi animazioni! Solo un leggero tremolio di scritte e di link verbali! Circa tre minuti di attesa per un filmato Flash di poche pagine composto soltanto da informazioni verbali scritte e senza alternative in html...
Inutile dire che ho terminato la mia visita senza finir di vedere il modulo e senza ottenere alcuna informazione utile sul corso.

Perché usare Flash per presentare un semplice corso di formazione, (informazione di natura verbale)? Non riesco a trovare una sola risposta valida a questa domanda. Tanto più che buona parte dell'audience potenziale di queste informazioni potrebbe essere composta da laureandi, i quali si collegano spesso dall'università, dove l'installazione di plug-in non è permessa...

Piuttoto che per i siti informativi, dunque, l'uso di Flash sulla rete si presenta come un'attrattiva soprattutto per alcuni siti d'immagine, per i quali non vi sono requisiti particolari di usabilità, in quanto si rivolgono ad utenti motivati all'innovazione e disposti magari a perdere del tempo in cambio di un'esperienza di fruizione estetica. Meglio ancora se questi siti non devono interfacciarsi con grosse basi di dati né essere aggiornati frequentemente.
In questi casi probabilmente i benefici (esclusivamente in termini d'immagine) possono essere superiori ai costi, a patto di rispettare i criteri di ottimizzazione e di coerenza con la natura visiva dell'informazione: in nessun caso è preferibile un testo informativo in Flash piuttosto che in HTML!

Chiarezza con il cliente

Ma in generale come decidere circa l'uso o l'abuso di Flash? Tenendo conto di tutti i fattori fin qui visti, innanzitutto. E facendo in secondo luogo affidamento sulla professionalità e sull'onestà intellettuale degli sviluppatori.
Sono loro che dovrebbero informare i propri clienti anche degli svantaggi, e non solo dei vantaggi, di questo formato di animazione, evitando di lasciarsi andare a racconti o a dimostrazioni off-line magnificanti. Le dimostrazioni off-line hanno il difetto di non tener conto del tempo di scaricamento, com'è ovvio. Non basta dire "be', naturalmente ci metterà un po' più di così a caricarsi..." per avere la coscienza a posto. Fatele vedere in remoto, con una normale connessione telefonica... e forse il cliente inizierà a cambiare parere!

Le domande da porre e da porsi sono piuttosto: Flash è davvero un valore aggiunto? Si attaglia al profilo del sito e dell'azienda? Ostacola una categoria importante di utenti?
Non possiamo scaricare la decisione sul cliente, se non gli forniamo le corrette informazioni per decidere. Si tratta di una prassi addirittura banale di deontologia professionale che pare purtroppo non solo molto lontana dall'essere praticata, ma anche dall'essere vista come una reale necessità.

Tag:

Iscriviti alla newsletter di usabile.it:

Circa una mail al mese con gli aggiornamenti più significativi.

Articoli correlati:

torna su Torna su

Privacy Policy